Valentina Vetturi

Reggio Calabria, 1979. Vive e lavora a Ginevra e Bruxelles

La pratica artistica di Vetturi si sviluppa tra scrittura e performance, in uno spazio discorsivo, autoriale, nel quale prendono nuova forma le memorie e le esperienze immersive dell’artista. Le sue opere hanno spesso toccato il tema dell’invisibilità: dalla fascinazione per la figura del ghost writer (Un libro di specchi, 2014), al viaggio nella malattia che consuma i ricordi (Alzheimer Café I e II, 2014-15), fino al mistero attorno alla figura dello scomparso Ettore Majorana (La mossa di Ettore, 2014). Nelle sue installazioni e performance Vetturi negozia costantemente con lo spettatore nuove regole di relazione (Una mostra, 2012; La funzione, 2009). Il suo lavoro è stato esposto in numerose istituzioni, quali Strauhof, Zurigo (2016), MACRO, Roma (2015), MAXXI, Roma, Kunsthalle Göppingen, Tranzit.ro, Bucharest (2014), Fondazione Sandretto Torino, Viafarini, Milano (2012), Tenuta dello scompiglio, Lucca (2011).

Condividi / Share