Riccardo Arena

Milano, 1979. Vive e lavora a Milano

La pratica di Arena si compone di processi d’indagine nomadi e a lungo termine che, grazie all’accumulazione di materiali di studio e operazioni di stratificazione e assemblaggio, si condensano in strutture narrative e immaginari visivi. È stato tra i vincitori del XXIV Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate ed è attualmente finalista al Premio MAXXI 2016. Tra le mostre personali: VAVILON | Project C – Solovki Islands, Viafarini, Milano (2015); Four Times a Tree, 1918 Art Space, Shanghai (2008). Tra le mostre collettive: The Plough, and Other Stars, Irish Museum of Modern Art, Dublino (2016); The Man Who Sat On Himself, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino (2015); Growing Roots, Fondazione Furla, Milano (2015); Scenario di terra, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto (2014); Arimortis, Museo del Novecento, Milano (2013). Ha presentato il suo lavoro video a Athens Video Art Festival; Les Urbaines (Lausanne); Palais De Glace (Buenos Aires); The Mobile Archive, Stacion – Center for Contemporary Art (Prishtina).

Condividi / Share