Patrick Tuttofuoco

Milano, 1974. Vive a Berlino

La ricerca artistica di Tuttofuoco attraversa numerosi linguaggi allo scopo di sondare altrettanto numerose tecniche di ritratto. I soggetti di Tuttofuoco sono la sua famiglia, i suoi colleghi artisti, la comunità di un luogo (sia esso un edificio o una città), l’umanità intera. Percorrerne la produzione significa osservare una graduale astrazione – in termini di complessità – ed “espansione” – in termini di scala – del soggetto con il quale l’artista si pone in confronto dialettico. In passato, attraverso progetti collaborativi con altri artisti o gruppi sociali circoscritti, Tuttofuoco aveva infuso tale confronto nella forma stessa dell’opera. In tempi più recenti invece, in seguito al consolidamento di una pratica di studio più intimista, la figura dell’altro si è trasformata in un simulacro. Di qui l’esplorazione dei temi della maschera – un tramite tra il sé e il mondo –, o del fantasma – la spersonalizzazione nella moltitudine.

Condividi / Share